Biografia

Giuseppe Guanci dopo aver frequentato, quando aveva appena 11 anni, la Scuola d'Arte e Mestieri "Leonardo da Vinci" di Prato, nel 1978 si diploma Liceo Artistico di Firenze.

Nel 1981, in seguito alla partecipazione a varie collettive, tiene la sua prima  personale di acquerelli e disegni, presso il Centro Studi Arti Visive di Prato.

A metà anni Ottanta inizia lo studio di opere tridimensionali che, dopo un decennio, grazie anche all’incontro con alcuni designer fiorentini, alcuni dei quali divenuti famosi, conferì una rinnovata vitalità al suo percorso artistico che sfocierà, nel 1994, in una personale   nel castello di Murlo (SI), a cui farà seguito un’altra importante mostra tenutasi nel Palazzo Pretorio di Prato.

Successivamente partecipa a varie mostre e premi, tra cui la X edizione del Premio Italia per le arti visive a Certaldo (FI) - Palazzo Pretorio, in cui viene premiato per l’opera “Virtual

portrait”.

Nel 2002 si laurea in Architettura a Firenze, cominciando ad occuparsi anche di design, abbandonando momentaneamente l’attività artistica, poi ripresa nel 2009 con la prima opera della nuova serie "Tessoforme", esposta ad ART'O - Roma - EUR - Palazzo dei Congressi.

Nel 2013 tiene la personale “Tessoforme” a Prato – ex Chiesa San Giovanni, a cui farà seguito la presentazione del suo lavoro, nell’ambito di “Artisti a km 0”, presso il Centro Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato. Nell’ agosto dello stesso anno tiene  una personale all’interno della Fortezza Orsini di Sorano (GR).

Nel novembre 2013 partecipa con un intervento ed alcune opere al convegno “Arte Quantistisca, Scienza e Realtà Aumentata: sinergie d’innovazione" sinergie d’innovazione" Chiostro di Sant’Agostino – Pietrasanta (LU)

Nell’aprile del 2014 espone una selezione di sue opere nella mostra “Le forme del vuoto”, presso lo spazio BBS-pro di Prato, mostra che, in forma più estesa, si è poi svolta a giugno anche  nella ex Dogana dei Grani di Atripalda (AV).

Nel marzo 2015 è chiamato a realizzare una scultura-trofeo “per l’evento nazionale ANTER GREEN AWARDS 2015, tenutosi al Palacongressi di Rimini.

Successivamente ha esposto alcune opere presso la gallery art GATTAROSSA ART di Piombino ed ha realizzato una mostra-evento all’interno dello stabilimento Aurubis Italia di Avellino, in occasione di un meeeting europeo dei principali produttori di rame.

Nell’aprile 2016 ha realizzato l’evento “Tessoforme in vetrina”, esposizione diffusa delle proprie opere nei negozi del centro di Sesto Fiorentino (FI).

Tra agosto e novembre realizza la mostra “L’essenza della forma” all’interno dell’Abbazia di San Galgano, Chiusdino (SI).

Nell’ottobre 2017 realizza l’opera site specific: JAEL , presso l’Archivio di Stato di Prato- Palazzo Datini, all’interno della mostra “Dall’ombelico all’alambicco. Un lunghissimo filo tra passato e presente”.

Ha inoltre esposto alcune opere nella galleria Art Gallery il Cesello di Pietrasanta, nella galleria Kunstgalerie Bachlechner di Dietikon – Zurigo, nella Galleria 93 di Prato, nella Galleria virtuale Smart Coast Gallery di Sorrento e nella villa palladiana Trissino Rossi in provincia di Vicenza, oltre ad aver partecipato all’edizione 2018 della Fiera Arte Vicenza.

Recentemente ha iniziato una collaborazione con alcuni chef stellati italiani, poi culminata con la partecipazione, nel settembre 2018,  alla biennale di arte e gusto “Culinaria” – Roma - Palazzo WeGil.

Attualmente Giuseppe Guanci vive e lavora a Prato, in Toscana, occupandosi, oltre che di sculture, anche di progettazione architettonica, pubblicazione di libri sull'archeologia industriale e Feng Shui.



Giuseppe Guanci after attending, when he was just 11 years old, the School of Arts and Crafts "Leonardo da Vinci" of Prato, in 1978 he graduated from the Liceo Artistico of  Florence.
In 1981, following his participation in various collective exhibitions, he held his first personal watercolors and drawings at the Centro Studi Arti Visive in Prato.
In the mid-Eighties began the study of three-dimensional works that, after a decade, thanks also to the meeting with some Florentine designers, some of which became famous, gave a renewed vitality to his artistic career which, in 1994, resulted in a personal castle of Murlo (SI), which will be followed by another important exhibition held in the Palazzo Pretorio in Prato.
Subsequently he took part in various exhibitions and prizes, including the X edition of the Italy Prize for the visual arts in Certaldo (FI) - Palazzo Pretorio, where he was awarded for the "Virtual portrait".
In 2002 he graduated in Architecture in Florence, starting to deal with design, temporarily abandoning the artistic activity, then resumed in 2009 with the first work of the new series "Tessoforme", exposed to ART'O - Rome - EUR - Palazzo dei Congress.
In 2013 he held the personal "Tessoforme" in Prato - former Church of San Giovanni, which will be followed by the presentation of his work, in the context of "Artists at km 0", at the Luigi Pecci Prato Contemporary Art Center. In August of the same year he held a personal exhibition inside the Orsini Fortress of Sorano (GR).
In November 2013 he participates with an intervention and some works at the conference "Arte Quantistisca, Scienza and Augmented Reality: synergies of innovation" synergies of innovation "Chiostro di Sant'Agostino - Pietrasanta (LU)
In April 2014 he exhibited a selection of his works in the exhibition "The forms of the void", at the BBS-pro space in Prato, showing that, in a more extensive form, it was held in June also in the former Customs Office of the Atripalda (AV).
In March 2015 he was asked to create a sculpture-trophy "for the national event ANTER GREEN AWARDS 2015, held at the Palacongressi in Rimini.
Subsequently he exhibited some works at the gallery art GATTAROSSA ART of Piombino and created an exhibition-event within the Aurubis Italia plant in Avellino, on the occasion of a European meeeting of the main copper producers.
In April 2016 he created the event "Tessoforme in vetrina", a widespread display of his works in the shops in the center of Sesto Fiorentino (FI).
Between August and November he realizes the exhibition "L'essenza della forma" inside the Abbey of San Galgano, Chiusdino (SI).
In October 2017 he realizes the site specific work: JAEL, at the State Archives of Prato - Palazzo Datini, inside the exhibition "Dall'ombelico alambicco. A very long thread between past and present ".
He also exhibited some works in the Art Gallery gallery, Cesello di Pietrasanta, in the Kunstgalerie Bachlechner gallery in Dietikon - Zurich, in Galleria 93 in Prato and in the Palladian villa Trissino Rossi in the province of Vicenza, as well as participating in the 2018 edition of the Art Fair Vicenza.
Recently she started a collaboration with some Italian starred chefs, then culminated with the participation, in September 2018, at the biennial of art and taste "Culinaria" - Rome - Palazzo WeGil.

Currently Giuseppe Guanci lives and works in Prato, in Tuscany, taking care not only of sculptures, but also of architectural design, publication of books on industrial archeology and Feng Shui.